Coronavirus: la storia fino a oggi… 

Poiché l’attuale epidemia di Coronavirus (COVID-19) continua a diffondersi in tutto il mondo, Athlete365 sarà il posto giusto per trovare tutte le informazioni essenziali da conoscere in merito a questa patologia. Qui scopriremo le origini della patologia, il suo sviluppo e l’impatto che ha avuto sul mondo dello sport… 

  • Scoprite dove e quando ha avuto origine la malattia 
  • Imparate cos’è esattamente una pandemia 
  • Scoprite l’impatto che ha avuto sul mondo dello sport 

Quando ha avuto inizio la diffusione del COVID-19? 

Nel mese di dicembre 2019, in Cina è stata diagnosticata una serie di casi di malattie respiratorie acute. In seguito alle indagini, è stato scoperto che la malattia era stata causata da un nuovo tipo di Coronavirus, che gli specialisti non avevano mai riscontrato prima negli esseri umani. 

Questa malattia è ora conosciuta come Coronavirus 2019 (COVID-19). 

I casi iniziali riguardavano principalmente persone che frequentavano un mercato di frutti di mare e animali vivi a Wuhan, una grande città nella provincia cinese di Hubei, caratterizzata da un fiorente commercio di pesci, rettili, pipistrelli e altri animali vivi e morti. 

La patologia si è poi diffusa da questi primi soggetti ai loro familiari, al personale sanitario e alla popolazione locale di Wuhan.  

Da allora, il virus si è propagato in tutta la Cina e in altri paesi del mondo, portando l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) a dichiarare lo stato di pandemia. 

Cos’è una pandemia? 

In base alla definizione dell’OMS, una pandemia è la diffusione mondiale di una nuova malattia. 

Le pandemie si verificano quando un nuovo virus si sviluppa e si diffonde in tutto il mondo, e la maggior parte delle persone non è immune a tale virus. 

Da dove proviene il COVID-19? 

I coronavirus sono presenti in numerosi animali e talvolta possono essere trasmessi dagli animali agli esseri umani. 

Ciò può verificarsi a causa di una serie di fattori, come le mutazioni del virus o l’aumento del contatto tra esseri umani e animali.  

Nel caso della SARS, è noto che i primi infettati avessero contratto il virus attraverso il contatto diretto o indiretto con gatti civetta infetti. La MERS, invece, ha avuto origine dai cammelli. 

Non è ancora noto il primo vettore di trasmissione del COVID-19 agli esseri umani. 

Quale impatto ha avuto il COVID-19 sullo sport? 

La diffusione del Coronavirus ha compromesso l’organizzazione di eventi sportivi in tutto il mondo.  

Tra i primi eventi ad essere interessati, le qualificazioni della boxe asiatica/oceanica per i Giochi di Tokyo 2020, che avrebbero dovuto svolgersi a Wuhan dal 3 al 14 febbraio. L’evento è stato annullato dal CIO a gennaio, a cui sono seguiti altri annullamenti e rinvii in tutto il mondo dello sport. 

Inizialmente, la maggior parte degli eventi interessati avrebbe dovuto svolgersi in Cina, tra cui i Campionati mondiali di atletica indoor, ma con la diffusione del virus in tutto il mondo, anche in altri paesi l’organizzazione degli eventi è stata compromessa. 

Attualmente, quasi tutti gli sport di alto livello sono stati sospesi. 

Quali azioni sta intraprendendo il CIO in relazione ai Giochi olimpici di Tokyo 2020? 

Il 24 marzo, il Presidente del CIO Thomas Bach e il Primo Ministro del Giappone Shinzo Abe hanno tenuto una teleconferenza finalizzata a discutere il quadro in continua evoluzione dell’emergenza COVID-19 e di Tokyo 2020.   

Tale evento ha condotto alla decisione congiunta, da parte del CIO e del Comitato organizzatore di Tokyo 2020, di rinviare i Giochi a una data successiva al 2020 ma non successiva all’estate 2021, per salvaguardare la salute degli atleti, di tutti coloro che partecipano ai Giochi Olimpici e la comunità internazionale.  

I leader hanno convenuto che i Giochi Olimpici di Tokyo potrebbero essere considerati un faro di speranza per il mondo in questi tempi difficili, e che la torcia Olimpica potrebbe rappresentare la luce alla fine del tunnel in cui il mondo si trova attualmente. Per questo motivo, è stato concordato che la torcia Olimpica resterà in Giappone. Inoltre, è stato convenuto che i Giochi conserveranno il nome di Giochi Olimpici e paraolimpici di Tokyo 2020.  

Per accedere alla nostra spiegazione sulla natura del COVID-19, cliccate qui