Ecco a voi lo sci alpinismo!

Non è mai troppo tardi per inseguire i propri sogni. Avevo già 20 anni quando ho scoperto lo sci alpinismo, eppure ciò non mi ha impedito di diventare campione mondiale per ben due volte e di far parte della prima squadra a completare la leggendaria Patrouille des Glaciers in meno di sei ore. Si tratta di uno sport emozionante e dinamico: non potrei essere più felice di vederlo finalmente debuttare ai Giochi olimpici giovanili invernali. In qualità di atleta veterano, sarò a Losanna per aiutarvi a vivere quest’esperienza nel migliore dei modi. Nel frattempo, colgo l’occasione per raccontarvi la mia storia qui su Athlete365, una piattaforma pensata per supportare l’intera comunità di atleti nel corso della loro carriera, in pista e nella vita reale.

  • Yannick Ecoeur è stato campione mondiale di sci alpinismo per ben due volte.
  • In qualità di atleta veterano, si occuperà di assistere e fare da mentore ai giovani atleti che gareggeranno a Losanna 2020.
  • Nel frattempo, approfitta dell’occasione per dirvi tutto sulla nuova disciplina olimpica giovanile.

Proprio come avrete sperimentato anche voi nella vostra disciplina, mi sono follemente innamorato dello sci alpinismo fin dalla prima gara. Era un connubio perfetto di tutte le mie passioni: gli sport invernali, la montagna e la neve. Mi reputo una persona molto fortunata, poiché sono riuscito a trasformare il mio sport preferito in una carriera e a guadagnarmi da vivere gareggiando ai massimi livelli. Essendomi ritirato quest’anno, non ho mai avuto l’opportunità di gareggiare ai Giochi olimpici come atleta. Però avrò l’occasione di partecipare a Losanna 2020 nelle vesti di atleta veterano e di assistere dal vivo al debutto dello sci alpinismo alle Olimpiadi!

Siete pronti a conoscere da più vicino lo sci alpinismo?
Questo è un momento davvero emozionante per tutti gli appassionati di sci alpinismo. I giovani atleti di questa disciplina avranno l’occasione di vivere l’emozione delle Olimpiadi, conoscere tante persone e partecipare a un evento di portata globale. Si tratta di un’opportunità incredibile per tutti voi! Per quanto mi riguarda, non potrei essere più felice di essere stato invitato a partecipare come atleta veterano. Non appena sento pronunciare le parole “Giochi olimpici”, vengo assalito dall’entusiasmo.

Lo sci alpinismo comprenderà ben tre emozionanti discipline a Losanna 2020: individuale, sprint e staffetta. Nelle gare individuali gli atleti partiranno tutti insieme e dovranno affrontare almeno tre salite e tre discese, raggiungendo addirittura i 1900 metri di altitudine! La salita richiede una conoscenza approfondita di diverse tecniche, poiché il terreno e l’altitudine possono variare notevolmente lungo il percorso. Lo sprint, invece, non potrà fare a meno di tenere gli spettatori col fiato sospeso: gli atleti più veloci potrebbero persino riuscire a completare la gara in tre minuti!

Viva il gioco di squadra!
Credo che la disciplina più interessante per me sia la staffetta. Oltre a vedere uomini e donne competere insieme, le squadre saranno formate da atleti di nazionalità diverse. Penso che sia un’idea fantastica perché, nello sci alpinismo giovanile, alcuni Paesi sono rappresentati da atleti eccezionali, mentre altri hanno avuto meno tempo per prepararsi. Mescolando atleti di nazionalità diverse, tutte le squadre gareggeranno sullo stesso piano, ritrovandosi ad affrontare sfide completamente nuove, mai viste prima.

A Losanna 2020 ci saranno tantissime gare miste e molti di voi si troveranno a gareggiare insieme a persone che non conoscono, alcune delle quali non parleranno nemmeno la vostra lingua. Penso che questa situazione vi aiuterà a tirare fuori il meglio di voi, spronandovi a cooperare con altre persone anche in circostanze inusuali e a superare qualsiasi barriera per raggiungere l’obiettivo comune.

Le mie responsabilità nei vostri confronti
L’aspetto che ritengo più importante del ruolo di atleta veterano è quello di condividere la mia esperienza con voi e aiutarvi a evitare qualsiasi ostacolo possiate incontrare sul vostro percorso, ad esempio la tentazione di allenarvi eccessivamente o la tensione che nasce dal gareggiare per la prima volta in un evento del genere. In queste situazioni, l’approccio migliore è semplicemente continuare ad allenarsi e a prepararsi per la gara nel modo in cui siete abituati di solito. Anche se si tratta di un evento di portata mondiale, sovraffaticare il vostro corpo non vi aiuterà affatto. Cercate di rimanere tranquilli, concentrati e, soprattutto, di godervi al massimo quest’esperienza.

Cercate di rimanere tranquilli, concentrati e, soprattutto, di godervi al massimo quest’esperienza.

Un altro aspetto che reputo fondamentale è promuovere il gioco pulito: dopotutto, è responsabilità di noi atleti veterani sensibilizzarvi sui pericoli del doping. Siete voi a rappresentare il futuro dello sport e spetterà a voi condurlo verso nuovi orizzonti. L’importante è farlo sempre in maniera onesta e credo che sia mio compito guidarvi nella giusta direzione. Dopotutto, si tratta di una delle maggiori problematiche dei nostri tempi.

Chiedetemi qualsiasi cosa vi passi per la testa!
Penso che lavorare con i giovani atleti sia molto interessante. Stare vicino a voi mi ricorda com’ero alla vostra età, le sensazioni che provavo prima delle gare importanti, la tensione e le emozioni. Uno degli aspetti che amo del mio lavoro da allenatore è l’incredibile curiosità dei giovani atleti: hanno sempre un sacco di domande e sono determinati a comprendere le motivazioni dietro a tutto, anziché limitarsi ad accettare le cose così come stanno. Sono sempre curiosi di scoprire perché noi allenatori facciamo le cose in un certo modo e dalle loro domande nascono sempre conversazioni coinvolgenti. Sono sempre felicissimo di dedicare il mio tempo ai loro dubbi e di aiutarli a comprendere ogni cosa.

Il consiglio principale che ho da darvi è proprio quello di mantenere la vostra curiosità. Se avete una domanda, fatela e basta. Ogni occasione è buona per imparare e, per quanto mi riguarda, è proprio questa la parte più stimolante del lavorare con voi giovani.

Durante l’attesa dei Giochi di Losanna 2020 avremo l’occasione di ascoltare i racconti di un atleta veterano per ciascuna disciplina invernale. Seguite @Athlete365 su Twitter, Facebook e Instagram per gli ultimi aggiornamenti.