Come combattere il caldo a Tokyo 2020

Durante i Giochi olimpici di Tokyo 2020, il clima sarà caldo e umido: vogliamo che ne siate ben consapevoli, così da prepararvi al meglio per le condizioni in cui vi troverete a competere.

  • Alla luce delle temperature elevate previste per Tokyo 2020, abbiamo raccolto una serie di consigli esperti per aiutarvi ad adattarvi a qualsiasi condizione
  • Le linee guida elencate qui sotto riguardano l’acclimatazione, le strategie di pre-raffreddamento e il mantenimento dell’idratazione
  • Voi e il vostro entourage avrete inoltre accesso all’elenco completo dei consigli del Dipartimento medico del CIO

L’esercizio fisico in condizioni calde e umide presenta una serie di problematiche: maggiore difficoltà nell’allenamento di resistenza, maggiore vulnerabilità, disturbi come crampi, spossatezza e colpi di calore. Non vogliamo però che tutto ciò influenzi negativamente la vostra preparazione alle Olimpiadi e, per questo motivo, abbiamo creato una semplice guida specializzata che vi aiuterà a dare il meglio di voi.

Questa guida, creata in collaborazione con il Dipartimento medico del CIO, affronta le principali problematiche in cui potreste imbattervi durante le gare a Tokyo, offrendo strategie su come ridurre il rischio di disturbi legati al calore e migliorare le vostre prestazioni.

Come adattarsi al clima

Il miglior modo per prepararsi al caldo e all’umido di Tokyo è cominciare ad allenarsi al caldo già da prima dell’inizio delle Olimpiadi.

Ciò significa praticare esercizi ripetuti ad alte temperature (ad esempio in camere appositamente costruite o in stanze calde improvvisate) che aumenteranno la temperatura della pelle e del nucleo corporeo, favoriranno una maggiore sudorazione, ridurranno la frequenza cardiaca a una data intensità e consentiranno una migliore ritenzione di elettroliti.

L’acclimatazione del corpo può richiedere dai 7 ai 14 giorni, quindi vi consigliamo di allenarvi in condizioni simili a quelle di Tokyo da almeno due settimane prima dell’inizio delle Olimpiadi. Vi raccomandiamo inoltre di completare un ritiro di acclimatazione termica alcune settimane prima dell’evento, in quanto ciò potrebbe migliorare ulteriormente la vostra capacità di adattamento.

Rimanere idratati

Essendo atleti d’élite, saprete già bene quanto sia importante di solito l’idratazione. Ma ricordate che, a Tokyo, ricoprirà un’importanza ancora maggiore!

Gareggiare in condizioni calde e umide porterà il vostro corpo a una maggiore sudorazione e, nonostante si tratti di un processo importante per aiutare il corpo a raffreddarsi, una sudorazione eccessiva potrebbe causare disidratazione. La disidratazione accelera l’aumento della temperatura corporea e, di conseguenza, può avere un’influenza negativa sulle vostre prestazioni.

Per evitare che ciò accada, assicuratevi che i fluidi espulsi vengano sostituiti durante tutta la giornata. È fondamentale prendere l’abitudine di mantenersi idratati prima, durante e dopo l’esercizio fisico.

Dopo l’allenamento o una competizione al caldo, le bevande di recupero dovrebbero includere sodio, carboidrati e, se necessario, proteine per ottimizzare la ripresa. Il miglior modo per reidratarsi è consumare cibi con fluidi, compresi gli alimenti salati.

Anche pianificare una routine da seguire per bere in momenti prestabiliti della giornata potrebbe esservi d’aiuto e migliorare persino le vostre prestazioni, in particolare se svolgete allenamenti ad alta intensità per più di 90 minuti. Ma ricordate che, qualsiasi strategia stabiliate per bere, questa dovrà essere sempre tarata sulle vostre esigenze personali. Parlate con il medico e l’allenatore per creare la routine perfetta per voi.

Strategie e accessori per il pre-raffreddamento

Prima dell’inizio di una gara, dovreste evitare di esporvi inutilmente al calore e, dove possibile, cercate di fare riscaldamento all’ombra. Potreste provare a utilizzare gilet rinfrescanti, asciugamani freddi o ventilatori e assicurarvi di avere a disposizione fluidi freschi per raffreddarvi.

Anche proteggere gli occhi è importante e vi consigliamo di indossare occhiali da sole che blocchino il 100% dei raggi UV. Allo stesso modo, è consigliabile proteggere la pelle con una crema solare non grassa a base d’acqua. Gli indumenti chiari possono ridurre al minimo l’effetto delle radiazioni solari e dovreste evitare qualsiasi capo che impedisca l’evaporazione del sudore.

Ricordate: tutti i metodi di raffreddamento che intendete includere nella vostra routine devono essere testati e personalizzati durante l’allenamento per evitare interruzioni durante la gara.

Volete maggiori informazioni su come sconfiggere il caldo a Tokyo 2020? Fate clic qui per accedere all’opuscolo completo e dettagliato del Dipartimento medico del CIO, che aiuterà voi e il vostro entourage a prepararvi per i Giochi Olimpici.

 

Opuscolo dettagliato – Come combattere il caldo